LE CANDELE

Non esiste persona che non abbia a casa almeno una candela, magari di quelle profumate o antifumo, oppure quelle decorative o ancora quelle piccole e tonde che riceviamo con qualche regalo e nemmeno ci accorgiamo che ci sono. La candela, da sempre gravita nelle nostre case, bianca o colorata, grande o piccola, dentro ad un candelabro o sopra un mobile ma da sempre c’è… avete mai pensato a questo?

Le candele esistono da sempre, chi non ne conosce il significato pensa che servano solamente a fare luce, o a decorare o ancora a creare un’atmosfera romantica, niente di più sbagliato. 

Le candele sono lo strumento “magico” se così si può dire più potente che ci sia mai stato… Detta più semplicemente come piace a me, la candela è il tramite più veloce per raggiungere l’universo. Cercherò di spiegarmi meglio: Quando si entra in qualsiasi Chiesa si ha la possibilità di accendere una o più candele per qualcuno (indifferentemente se vivo o morto) o qualcosa. Quando si va al Cimitero ci sono sempre delle candele accese (ormai quasi sempre sostituite dai lumini che purtroppo non sono la stessa cosa). Quando abbiamo a che fare con una persona a noi cara che si ammala, o con qualcuno in punto di morte, siamo soliti accendere una candela bianca, quando prepariamo una serata romantica con la persona che amiamo o quando festeggiamo il Natale che dovrebbe essere sempre segno di amore e unione siamo soliti accendere candele rosse….

Tutto questo per la maggior parte di voi viene fatto senza la ben che minima consapevolezza di quello che state facendo e trasmettendo all’universo. Tornando alla mia affermazione di prima, cioè alla potenza delle candele vi dico che nelle stesse sono racchiusi tutti e quattro gli elementi, aria, acqua, fuoco e terra, distribuiti nel seguente modo: la candela è la terra, la fiamma è il fuoco, la cera sciolta che si forma alla fine dello stoppino è l’acqua e il fumo che ne esce rappresenta l’aria. Questo è assolutamente straordinario perchè significa che abbiamo a disposizione in un piccolo oggetto tutti e quattro gli elementi, solo  questo basterebbe per definire la straordinarietà delle candele. La candela però è anche lo strumento preferito di tutti i maghi o avvenenti tali, di tutti coloro che praticano arti magiche sia nel bene, che ahimè nel male e questo come sono solita dire io è proprio un gran bel casino ed è proprio per questo che mi sono decisa a scrivere come e per cosa vanno usate le candele, ovviamente nel modo più coretto possibile e con la piena consapevolezza di quello che si sta facendo.

Quindi bando alle ciance e iniziamo:

La candela che è sempre meglio usare è quella classica, ovvero quella che trovate nelle Chiese. Misura circa 30 cm. Questa misura è importante perché deve durare più o meno 12 ore e quelle più piccole che si trovano in commercio durano molto meno, io le trovo da Tiger o in qualche negozio che vende cose new age. La candela dev’essere di cera, meglio sarebbe se di cera d’api ma queste sono più difficili da trovare e non sono mai colorate, lasciate stare le candele di paraffina, che sono, per favi un esempio quelle bianche che trovate in blocco all’Ikea e non sognatevi di portare via candele dalle Chiese a meno che non siano appositamente in vendita.

Ogni colore rappresenta qualcosa di specifico per cui ora qui sotto vi darò qualche indicazione per le cose più semplici ma utili ed efficaci. Una cosa importante che dovete ricordarvi di fare e scrivere con uno stuzzicadente o legnetto mai con coltelli o chiodi l’intento sulla vostra candela, partendo dallo stoppino e non dal fondo. Cose brevi e molto chiare perché questo richiede l’Universo, chiarezza e sicurezza. Meglio sarebbe seguire anche le fasi lunari, ovvero in luna calante tutto quello che volete allontanare e in luna crescente tutto ciò che volete ricevere.

Quindi:

BIANCA: Candela universale, il che significa che può essere usata in qualsiasi situazione perché da sola prende il colore più consono, ovviamente se vi serve una candela gialla e non ce l’avete dovrete chiedere a quella bianca di fare la funzione della gialla. Da sola quella bianca simboleggia lo splendore e la luce, la purezza, attira le energie positive, purifica ogni ambiente. Può essere usata ad esempio dopo un intervento chirurgico per riequilibrare le energie, per promuovere la pace e per far tornare l’armonia.

VERDE: Se non vi è possibile meditare nei boschi questa candela ne farà le veci, la sua vibrazione è la stessa che potete trovare in natura. Lei vi può aiutare nel lavoro per aiutarvi a concludere un affare o ad essere assunti, ad accrescere la mole di lavoro. Anche nei sentimenti è utile, per riportare la pace dopo un litigio e per proteggere la relazione da invidie e maldicenze che fanno sempre tanto male.

BLU: La candela blu scuro aiuta ad allontanare dolori, malattie, invidie e problemi in genere. Favorisce la lungimiranza e l’intuito, seda le liti e porta armonia e tranquillità, in ogni camera da letto ce ne dovrebbero essere almeno un paio. Nei toni più chiari verso l’azzurro simboleggia il cielo, quindi la capacità di estendere ogni percezione.

ROSA: Si usa per aiutare qualcuno a migliorare un carattere difficile, per essere più generosi ed altruisti, per rafforzare le affinità spirituali, per eliminare sensi di colpa, tristezze e malinconie e per fare chiarezza sul nostro mondo affettivo.

ARANCIONE: Può aiutarci ad ottenere risultati positivi nel lavoro, con gli esami e qualsiasi tipo di prova che siamo chiamati ad affrontare. Aumenta la concentrazione, l’acutezza mentale e l’insorgere di nuove idee. 

GIALLA: lei ha la capacità di trasmetterci una grande energia quando siamo chiamati ad affrontare qualcosa di molto impegnativo, aiuta nella realizzazione dei progetti soprattutto per quanto riguarda lo studio perché affina la memoria e aiuta nella comprensione di cose difficili.

Io mi fermo qui con i colori, ovviamente mancano il Nero, rosso, marrone, viola, oro, argento e rame…. Colori che io non scriverò per una forma di etica mia personale che mi impedisce di divulgare cose che potrebbero fare danni in giro, lo dico sempre “come fare danni da me non lo saprete mai😊” ci tengo a dire che ogni candela come qualsiasi altra cosa può essere usata in ambo i modi cioè nel bene e nel male che altro non sono che due facce della stessa medaglia cioè noi stessi, quindi mi raccomando di usare l’intelligenza, il cuore e la cautela prima di mettervi a provare qualsiasi cosa.

 

Rispondi