LE FATE – leggende o realtà’

Avete presente quelle donne piccole, minute, con i lineamenti a
punta o molto marcati? Quelle persone senza la via di mezzo, o
molto estroverse o chiuse chiuse ma proprio chiuse? Ecco, loro
sono le Fate. Sono personcine particolarmente difficili perché
portano con se le caratteristiche delle lontane cugine, quindi
spesso pur essendo piccole di statura e con particolari lineamenti
quali mento molto a punta, occhi molto piccoli o grandi, capelli
folti e bocca serrata, nasi a patata, a punta o con la gobba, hanno
un enorme ego, nel senso che sono le più brave, le più buone,
quelle che si sacrificano, le più talentuose….quelle che sanno e
hanno sempre ragione a prescindere.

Se sono della tipologia estroversa non smettono mai di parlare,
di fare battute fuori luogo e di dispensare consigli non richiesti a destra e sinistra
dimostrando una pesantezza a lungo difficile da sopportare,
mentre la tipologia introversa quasi sempre risulta essere
altezzosa ed antipatica, hanno un naturale senso di superiorità
che non nascondono affatto perché appunto loro non sbagliano
mai, loro si arrangiano sempre, loro ne sanno una più del diavolo.
In realtà sono delle grandi strateghe, pianificano tutto a tavolino,
scaltre e sveglie come la migliore delle volpi sono in grado di
pianificare ogni cosa della loro vita, entrano con molta facilità nel
ruolo della vittima e tendono a non voler mai avere la
responsabilità di nulla, a loro tutto è dovuto proprio perché sono
perfette e non sbagliano mai, se mai tutto il resto del mondo non
è in grado di comprenderle e supportarle abbastanza. Per loro
nulla è mai troppo, niente è mai abbastanza, non sono mai
completamente felici, o soddisfatte, insomma un casino e guai se qualcosa va storto,
diventano cattive, molto vendicative e
parecchio irragionevoli ….”oddio che orrore” direte voi iniziando
a fare mente locale su quante fate conoscete… beh diciamo che
sono partita dai difetti e ora cercherò di elogiarne i pregi
altrimenti le mie amiche fatine mi fanno la “pelle” 😀.

Le fate sanno essere delle brave mamme, un po’ altalenanti come il loro
umore ma affettuose e organizzate, partecipano molto all’attività
scolastica, spesso sono capo classe, si occupano dei regali per le
maestre, di raccogliere i soldi per feste e recite, preparano torte e
ogni prelibatezza con molto successo ecc. Tengono molto
all’andamento scolastico dei propri figli che seguono molto
scrupolosamente. Non sprizzano di simpatia ma hanno sempre il
loro gruppetto di mamme con le quali pianificare il tutto, io le
ammiro molto considerando il fatto che ad oggi ancora non so
quante ore faranno i miei figli il primo giorno di scuola 😀. Amano
essere “la mamma”, infatti ho constatato spesso che
rimpiangono i bambini piccoli, fanno molta fatica a lasciarli
andare ma questo inevitabilmente accade ed è allora che le
nostre Fate tirano fuori tutto il loro meraviglioso talento… eh si
perché ne hanno molto. Possiamo trovarne molte tra le maestre,
sarte, decoratrici, stiliste (Coco Chanel era decisamente una fata),
pittrici…hanno molta manualità e fantasia da vendere, anche
fioraie, ho conosciuto delle fate fioraie capaci di creare dei
capolavori, tuttavia fanno parecchia fatica a conciliare il lavoro
con tutto il resto perché sono molto pigre e disordinate quindi se
possono preferiscono fare una cosa alla volta, se non possono
fanno tutto ma con un grande stress come conseguenza. Sono
delle amiche sincere (anche troppo), si prodigano molto per chi
amano, amano o odiano non conoscono la via di mezzo e per
questo soffrono di frequente perché non tutti sono in grado di accettarle.

Più mentali che intuitive hanno una spiccata
intelligenza che le fa arrivare dove vogliono senza grandi fatiche.
Se le ami e le accetti faranno per te l’impossibile altrimenti “ se le
conosci le eviti, se le eviti non ti uccidono” 😆 scherzo dai, ho delle
amiche fate che amo molto, sono quelle che mi ricordano che
vivo sul pianeta terra e che i bambini il primo giorno di scuola non
hanno l’orario pieno e che alle elementari serve ancora il
grembiule 😀 . Il loro tipo ideale sarebbe il vampiro, più freddo e
mentale come loro, le altre tipologie vanno in sofferenza, sono
poco fisiche, con il tempo diventano più “materne”, poco
affettuose, non ho ancora capito perché in famiglia tendono a
nascondere quella parte libera e un po’ selvaggia che invece
hanno dentro di loro forse perché sono brave ad entrare nel
ruolo che gli viene richiesto: quello di “mamma” o quello di
“moglie” o di “lavoratrice”. Come le loro cugine lontane amano
brillare ma di una cosa alla volta, con calma, tranquillità e una
buona dose di sicurezza, non lasciano mai il bosco incantato che
si sono costruite anche a costo di grandi rinunce e sofferenze che
spesso nessuno chiede loro di affrontare e a me dispiace perché
sono meravigliose nel loro essere, così piccole e fragili in
apparenza e così forti e determinate in realtà.

Rispondi