IL MONDO CHE VORREI

Ho sempre avuto un’idea molto precisa su come secondo me dovesse andare il mondo, stranamente e inspiegabilmente sono sempre stata molto attenta a ciò che accade, dico stranamente perché non sono un’ambientalista o animalista, nemmeno sono particolarmente attenta a quello che politicamente accade. Non mi preoccupo di come salvino le Balene, mangio di tutto, schifezze comprese, fumo qualche sigaretta uso in modo smodato il cellulare ecc. insomma ho sempre condotto e continuo a condurre una vita assolutamente normale e adeguata ai tempi correnti… però, osservo molto la direzione che prendono le persone che questo pianeta lo abitano e nel mio piccolo cerco di fare attenzione all’ambiente, amo, curo e adotto gli animali e da qualche tempo mi dedico alle piante, cosa, che mi rilassa particolarmente, e spero di riuscire a finire la la mia esistenza in una casa di campagna piena di fiori e animali di ogni genere e sorta a fare marmellate conversando con le piante, gli anni che passano mi stanno portando sempre più verso questa direzione, ossia in qualche modo indietro nel tempo.

Durante le mie notti conduco una vita parallela, appena il mio corpo si addormenta la mia Anima ribelle e guerriera si tuffa in altri mondi, in altre dimensioni ed è in questi posti che mi fanno vedere cosa sta accadendo al nostro mondo. Dovete sapere che all’Universo intero di noi razza umana non gliene frega un accidente, anzi ci ritengono superficiali e anche abbastanza stupidi e sapete perché? Perché non rispettiamo il pianeta che ci ospita. Ah… direte voi adesso “ma che centra tutto questo con la spiritualità?” centra perché il nostro corpo è abitato da un’Anima che sa perfettamente cosa dovremmo fare, e lo sa perché ha già vissuto quello che ora stiamo vivendo. Ricordo che una mattina di qualche tempo fa mi sono svegliata di soprassalto perché ero in una Venezia che stava sprofondando dentro al mare, ora, lo sappiamo tutti che Venezia è destinata a questa fine, ma quello che mi hanno fatto notare è la stretta connessione che nelle altre dimensioni danno di Venezia come Atlantide, in pratica tutto è già accaduto, in questo pianeta tutto è ciclico, le cose sono destinate a ripetersi e anche la nostra come tante altre civiltà è destinata a scomparire. Che tristezza……. No! nessuna tristezza, perché la colpa è nostra. Noi non ragioniamo in autonomia, a noi va bene vivere come i pecoroni, noi preferiamo non credere a Dio al Diavolo all’Universo che ci monitorizza, noi siamo incastrati in un sistema che ci fa vivere come vuole lui, un sistema governato da poche, pochissime persone che se ci pensate un secondo non è nemmeno difficile capire chi siano. Un sistema corrotto alla radice, il mondo è corrotto dalla notte dei tempi, e chiunque abbia provato, provi o proverà arrivando ad un vertice a cambiare le cose verrà fermato, comprato inglobato o fatto fuori, è sempre stato così sin dall’inizio, mi viene sempre in mente l’antica Roma, vizio potere e corruzione li hanno toccato l’apice e così abbiamo proseguito.

Questo per dirvi che il male di questo mondo è e rimane il potere, e per quanto si cerchi di spiegare da dove viene, si provi a far comprendere che si può imparare a controllarlo, si cerchi di far capire che il potere divide e noi per fare qualcosa di buono invece dovremmo essere molto uniti, LUI continua ad imperare inalzando o distruggendo idoli, dandoci l’illusione di poter decidere e fare, per poi levarcela subito, obbligandoci verso una direzione che non abbiamo scelto, decidendo per noi. Questo potere lo governano poche persone, che sono le stesse che decidono la sorte del mondo molto consapevoli di dove ci stanno portando. Quelli non consapevoli, non ragionevoli e assolutamente incapaci di reagire prendendo le redini in mano e obbligando tutto a cambiare direzione siamo noi. Finchè il “popolo” non sarà in grado di scegliere una guida abbastanza forte da non farsi comprare, corrompere, inglobare dal potere, finchè non arriverà qualcuno abbastanza coraggioso da fare questo il nostro destino rimarrà sempre ciclico e noi destinati a scomparire.

Questo discorso mi rendo conto possa sembrare un po’ anarchico/ribelle e forse lo è, perché io in fondo lo sono, sono libera, pacifica e tollerante verso qualsiasi cosa, pensiero e opinione sana e costruttiva, questo mi permette di vedere e non tollerare come stanno le cose e quanto poco al genere umano venga permesso di fare, mi sento dentro una grande gabbia, un gabbione con le porte spalancate ma da cui nessuno esce perché in fondo non si sta ancora troppo male qui, in fondo in fondo si può continuare a dare le colpe a questo o a quello, in fondo ci stanno dividendo in due fazioni ma…. Guardare e non toccare troppo, ascoltare ma non riflettere troppo, capire ma non agire troppo in fondo è meglio….. ecco, questo siamo e allora io spero che il mio sogno della casetta isolata in campagna possa realizzarsi presto e spero che i miei figli e i figli dei miei figli possano ascoltando la loro Anima e tirando fuori il coraggio che a noi è stato soffocato rimettere in piedi il mondo, magari perché no, ricominciando dall’inizio.

Rispondi