SENZA PAROLE (o quasi)….

il

Certo che noi esseri umani siamo veramente strani, a volte penso che se fossi un extra terrestre arrivato ora sulla terra non potrei fare altro che pensare che gli esseri umani siano una banda di deficienti. Non siamo abituati alle emergenze siamo una generazione cresciuta senza problemi di questo tipo, niente guerre niente epidemie, niente disastri atmosferici a parte qualche terremoto che se ci pensate bene nemmeno quello siamo stati capaci di gestire al meglio, ciò non toglie che vedendo le reazioni davanti al Corona Virus ne rimango veramente stupita, a volte mi chiedo come mai l’essere umano non abbia la capacità di evolvere… e ci credo accidenti se non si è in grado di seguire delle semplici regole dateci per prevenzione precauzionale ritorniamo alla creazione del mondo, quando Dio diede delle semplici regole per rimanere nel Paradiso dell’Eden e l’umano non le ha seguite, ecco si riduce tutto a questo : non siamo in grado di seguire le indicazioni che ci vengono date da un potere superiore. Guardate che è una cosa grave questa. In questi ultimi giorni mi sono ritrovata spesso a fare questo pensiero e l’evolversi del tutto purtroppo non ha fatto altro che darmi ragione, ma dico io, vi pare normale che chiudono le scuole per non avere assembramento e provare così ad evitare il contagio e poi i bambini sono tutti insieme al parco? vi pare normale che un decreto sancisca di non fare assembramento e tutti sono appiccicati fuori dai locali? venerdì pomeriggio un bar del centro di Trieste con i tavolini all’aperto aveva il tutto esaurito, una bolgia di gente seduta tutta appiccicata l’una con l’altra, è normale che un decreto imponga lo stop a spettacoli e serate e ci sia qualche fenomeno che se ne frega? è normale che dispongano la chiusura della Lombardia e migliaia di persone si accalchino dentro la stazione per tornarsene al sud a casa loro rischiando così di aumentare i contagi in regioni che non sono strutturate come noi a livello sanitario? è normale “io la mascherina non la metto, la distanza di sicurezza non la tengo, tanto lo prendiamo tutti?” Il popolo Italiano è privo di senso civico, e non mi basta nemmeno più il fatto che la gente sia ignorante nel senso che ignora la situazione perché sono tre settimane che i giornali i social, la televisione e la gente non fanno che parlare di questo e anche un bambino ormai potrebbe fare un trattato sul Corona Virus… semplicemente se ne fregano. Io trovo che tutto questo sia terribile, rimango senza parole davanti a cotanto menefreghismo, davanti alla totale manca di rispetto verso il prossimo, davanti alle “orecchie da mercante” che tutti fanno, perché il problema non è il Virus in se, il problema sono gli ospedali che rimarranno senza posti in terapia intensiva e senza medici che per forza di cose chi prima chi dopo si ammaleranno, il problema è la nostra economia che in buona parte è già andata a puttane, il turismo che quest’estate non avremo, le persone che perderanno il lavoro e le ditte che saranno costrette a chiudere. Quello che non si vuole capire è che quando tutto questo sarà passato noi ci troveremo come dopo una guerra e non siamo pronti. Non siamo pronti perché se incapaci di seguire quattro regolette nemmeno troppo difficili figuriamoci quando si tratterà di rimboccarsi le maniche e ritirare su il paese, se io fossi un menbro dello stato non ci dormirei la notte al pensiero di quale razza di popolo mi trovo a dover condurre, quelli del “io a casa non rimango e che faccio mi annoio, che sarà mai se vado a bermi una birretta”, quelli del ” la mia famiglia è tutta al sud tanto sto bene, io scendo” e chi se ne frega se tu che scendi sei un portatore sano e a casa hai una nonnina di 80 anni che ci muore perché tu le porti il Virus e magari all’ospedale non ci sono più posti… sono veramente arrabbiata e desolata perché non abbiamo speranza. Dal mio punto di vista tutto questo porterà ad una selezione del genere Umano, rimmarrà spero solo la parte più sana, quella che ha capito veramente che cosa sta succedendo, quella che forse sarà in grado di crescere i nostri figli in maniera diversa, con l’amore per il proprio pianeta e un grande rispetto per i propri simili. Io di mio continuerò a non uscire a meno che non sia necessario, a non portare i miei figli al parco, a tenere la distanza di sicurezza, a non andare in posti affollati a lavarmi le mani spesso e a mettere la mascherina per uscire nel caso mi venisse il raffreddore o la tosse, continuerò a fare tutto questo con la speranza che sempre più persone capiscano che il Corona Virus non può e non deve essere sottovalutato.

Un commento Aggiungi il tuo

  1. ADRiana ha detto:

    Parole dure, vere. Perché questo menefreghismo misto a incoscienza? Tanto io non lo prendo, fa più morti l’influenza, si ammalano le persone anziane (come se gli anziani non siano importanti – e comunque non è vero), tutti luoghi comuni. Penso che sia un modo stupido di combattere la paura che tutti abbiamo mascherandola da io esco lo stesso che non ho paura. E che dire di quelli che pensano di presentarsi in aeroporto per andare in vacanza come se nulla fosse! Mah. Chi ha orecchie per sentire, capisca.

Rispondi