DIARIO DI BORDO

il

Eccoci qui, siamo arrivati a sabato e la sensazione che ho è quella che probabilmente avete tutti cioè il nulla… mi sembra di galleggiare, trasportata da un’onda che non so dove mi condurrà. Posso dirvi che erano molti anni che aspettavo che al nostro mondo accadesse qualcosa e adesso che ci siamo ho questa sensazione di galleggiamento che non mi lascia mai. Certo, penso di essere fortunata rispetto a quelle persone che non credono a nulla, che si bevono tutto quello che la televisione e i social dicono, sono fortunata perché so che tutto questo sta avvenendo per farci capire quello che non abbiamo voluto capire, quello che abbiamo sottovalutato, quello che abbiamo fatto finta di non vedere… cioè che era tutto sbagliato. Sbagliato il nostro modo di vivere, di pensare di rapportarci con gli altri… sbagliato il nostro modo di vivere gli affetti, il lavoro, la vita in generale, sbagliato il modo in cui abbiamo trattato il nostro pianeta, insomma sbagliato il modo in cui ci siamo lasciati vivere invece DI VIVERE. Abbiamo perso le redini di noi stessi. e adesso??? adesso siamo chiusi in casa, da soli o con la nostra famiglia a fare i conti con come abbiamo costruito i rapporti con chi abbiamo più vicino, e si, perché non dev’essere affatto facile per quelle coppie abituate a vedersi giuso quelle due orette la sera dover convivere h24 rischiando di scoprire che accanto a loro hanno un estraneo o un’estranea, non è facile rapportarsi con i nostri figli che abbiamo riempito di impegni quotidiani e ai quali siamo abituati a dedicare giusto l’ora di cena, non dev’essere facile per gli amanti che non possono vedersi e non dev’essere facile per chi è da solo. Abbiamo tanto tempo adesso e sarebbe buona cosa cercare di sfruttarlo al meglio… potremmo riappropriarci di noi stessi, della nostra vita, intesa per quella che vogliamo che non per tutti coincide con quella che stavano vivendo e dico stavano perché niente per noi tornerà più come prima. Dobbiamo sforzarci vedere questa cosa che ci è successa come un’opportunità per ricominciare al meglio partendo proprio da noi stessi. Sono certa che così facendo questo senso di nulla, di galleggiamento un poco per volta sparirà, non ci prenderà lo sconforto e la depressione che la mancata libertà inevitabilmente porta con se. I giorni che verranno saranno sempre più duri da sopportare ma voi fatevi un bel bagno di sale con le candele accese e un buon incenso, chiudete gli occhi e immaginatevi il pianeta pieno di luce… mettetevi una buona crema sul corpo, pettinatevi e truccatevi, vestitevi ogni giorno anche se non uscite nemmeno a buttare la spazzatura, prestate attenzione ad ogni cosa che fate, anche a quanti cucchiaini di caffè stanno dentro la moca, immergetevi in un bel libro, si, proprio quello che da tre anni è li che vi guarda dal comodino e voi non siete mai riusciti ad andare oltre alle prime cinque pagine perché troppo stanchi, ascoltate la musica e respirate profondamente ogni volta che potete. Fatelo perché così non diventerete degli automi in pigiama che passano le loro giornate ad ascoltare le notizie catastrofiche che passano alla tv… non fatevi togliere la voglia di vivere, la lucidità mentale, la personalità…. fatelo per voi… facciamolo per noi.

Rispondi