Le vostre domande

il

Oggi una domanda sola che racchiude però molti di voi, domanda che implica una risposta lunga alla quale proverò a dare risposta con l’obbiettività che mi contraddistingue….

Quando pensi che usciremo da questa pandemia? cosa pensi a riguardo? il vaccino vale la pena farlo? Ho cercato di evitare questa domanda il più possibile 🙂 ma come è abbastanza logico che sia me l’avete fatta veramente in tanti. Ho scritto e continuerò a scrivere molto poco in merito a questo virus che ha messo in ginocchio chi più chi meno il mondo intero. Non ne voglio parlare perchè è un argomento che provoca sempre molta confusione, agitazione e poca lucidità. E’ fuori da ogni dubbio che il virus c’è, è fuori dubbio che non ce ne libereremo velocemente ed è fuori dubbio che porterà a termine quello che è venuto a fare, ovvero fermarci. La mia posizione personale su come il Covid sia approdato nel mondo non è importante, che sia stato un povero pipistrello, che sia scappato da qualche laboratorio o che qualcuno lo abbia fatto uscire appositamente non ha nessuna importanza, come non ha importanza se per me sto benedetto vaccino sia meglio farlo o meno perchè ritengo che nonostante i grandi lavaggi del cervello di massa ai quali siamo da un anno fortemente sottoposti ognuno abbia una testa propria, la capacità di andare a leggere e scavare ogni informazione utile o meno, ufficiale o meno in merito e la responsabilità totale della propria persona per poter ” sentire” cosa sia meglio fare. Poi penso anche che la grande massa preferisca ubbidire a quello che dice chi “dovrebbe” essere competente in materia per poi scaricare tutte le colpe laddove ce ne fosse bisogno. Ma questo è un altro discoro.

Da che mondo è mondo esiste una ciclicità che fa si che quando tutto diventa saturo, quando tutto diventa troppo, quando tutto va fuori controllo accade qualcosa che ci fa tornare alla casella di partenza e ricominciare. In passato sono state le guerre, prima ancora i disastri naturali, la sparizione improvvisa di intere civiltà che si erano evolute un po’ troppo e così via. Tornando ai giorni nostri nulla di tutto questo sarebbe stato possibile e così cosa meglio di una pandemia avrebbe potuto mettere in ginocchio il mondo intero? dopotutto niente come la paura piega un essere umano. Sono completamente pazza?? forse, ma niente di tutto questo esce dalla mia fantasia e per dirvela proprio tutta 14 anni fa in Nepal un Monaco Buddista chiuso da 20 anni nel suo Tempio sul cocuzzolo della montagna mi ha descritto perfettamente quello che noi adesso stiamo attraversando perchè questo è solo un passaggio, un passaggio che ci cambierà totalmente, che cambierà il livello energetico e che ci vedrà tornare indietro per poter sopravvivere.

Questo mondo ha bisogno di tornare alla cose vere e genuine, ha bisogno di fermare la tecnologia che ci sta trasformando in esseri che non usano più il cervello, ha bisogno di più natura e meno città, di più contadini, operai, idraulici, piastrellisti, meccanici e tecnici che di manager plurilaureati e super quotati che vengono tenuti completamente fuori dalla vita reale. Abbiamo bisogno di ritrovare i valori essenziali per un esistenza piena e felice e non finta e triste. Questo periodo che durerà ancora un bel po’, che distrugge completamente la nostra vita per come la conosciamo, che porta un grande tasso di povertà e conseguente disperazione, che ci rende prigionieri nelle cose quotidiane, che ci porta via gli affetti più cari attraverso la morte o attraverso la paura della morte, che obbliga i nostri figli ad un’asocialità che nemmeno in tempo di guerra c’era, che ci toglie ogni svago e spensieratezza rendendoci depressi, deboli e succubi in nome di un virus che pare essere indistruttibile altro non è che ” Signori rendetevi conto che così non si poteva continuare, l’ombra al momento è in netto vantaggio ma se tirerete fuori lo spirito di sopravvivenza che avete in dotazione dalla nascita e vi sforzerete di comprendere al di là del vostro naso risorgerete migliori e più forti di prima”.

Questo è quello che penso… spero che queste poche righe siano sufficienti a farvi riflettere, cercare e a non soffermarvi solamente su quello che vedete e sentite che credetemi è la minima parte di tutto sto casino. 🙂 🙂

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Ti ringrazio del post 🙂 E’ in linea con il mio pensiero… credo che in questa situazione farsi troppe domande non ha un senso e non dobbiamo deluderci se questa stessa pandemia non ha un senso… solo dopo questa tragedia, questo dolore capiremo la reale sfumatura del nostro destino… ora dobbiamo solo vivere e permetterci il lusso di sognarci… nulla è ancora perduto in fondo… buona serata 🙂

    1. heavenrosee ha detto:

      grazie per questo bel commento, è molto importante essere consapevoli che nulla è perduto 🙂 ti auguro una buona giornata 🙂

Rispondi